Prado Museum History

Storia del Museo del Prado: uno sguardo in uno dei più grandi musei sppagnoli

Uno dei musei più importanti di tutta la Spagna, il Museo del Prado di Madrid (Museo Nacional del Prado) è noto per avere la collezione più completa di arte spagnola e una delle collezioni più eccezionali di arte europea dal XII secolo all'inizio del XX secolo. Si tratta di uno dei più grandi musei d'arte del mondo, ospita opere di grandi spagnoli come Francisco Goya e Diego Velazquez, tra gli altri, ed è visitato da milioni di persone ogni anno. Continua a leggere questa pagina per conoscere la storia del Museo del Prado.

Storia del Museo del Prado

Il famoso architetto Juan de Villanueva progettò l'edificio che ospita il Museo del Prado nel 1785 nel suo caratteristico stile architettonico neoclassico. Sebbene fosse stato originariamente commissionato per il Gabinetto di Storia Nazionale dal re Carlo III, suo nipote re Ferdinando VII, spinto da sua moglie la regina Maria Isabel de Braganza, decise alla fine di rendere l'edificio la sede del nuovo Museo Reale di Dipinti e Sculture. L'obiettivo di questo museo era quello di mostrare la magnifica collezione curata dalla famiglia reale. Il luogo fu successivamente rinominato Museo Nazionale di Dipinti e Sculture, prima di ottenere infine il suo nome attuale - Museo Nacional del Prado. Il museo aprì al pubblico nel novembre 1819.

Al momento dell'apertura, il museo era esclusivamente dedicato alla pittura spagnola e aveva poco più di 300 dipinti nel suo catalogo. Con il tempo, riuscì ad accumulare una collezione di opere di artisti fiamminghi, italiani, tedeschi e francesi. La sua collezione vide un aumento significativo sotto il patrocinio di Carlo V nel XVI secolo e vide un aumento costante quando altri monarchi arrivarono al potere. Tra il XIX e il XX secolo, l'importanza del museo aumentò esponenzialmente. Per accogliere i visitatori, il museo è stato ampliato il più possibile, con aggiunte all'edificio originale di Villanueva. Il museo è destinato ad espandersi ulteriormente dopo l'acquisto di 61.500 metri quadrati di spazio e l'acquisizione della Sala dei Regni del palazzo Buen Retiro.

Oggi, il Museo del Prado ospita circa 7.500 dipinti, insieme a sezioni dedicate alle sculture e alle arti decorative, alle stampe, ai disegni e alle fotografie. Il Museo del Prado, insieme al Museo Reina Sofía e al Museo Thyssen-Bornemisza, forma il Triangolo d'oro dell'arte di Madrid. Quando i visitatori camminano all'interno dell'imponente edificio di Villanueva, non solo potranno ammirare le opere di artisti famosi, ma anche immergersi nella storia del Museo del Prado.

Cosa vedere al Museo del Prado

storia museo prado

Alcuni degli artisti famosi rappresentati al Museo del Prado includono Albrecht Dürer, Botticelli, Tiziano, Raffaello, Caravaggio, Hieronymus Bosch, Pieter Brueghel il Vecchio, Rogier van der Weyden, Rembrandt, Pieter Paul Rubens, Anthony van Dyck, El Greco, Diego Velázquez, Francisco de Zurbarán e Francisco Goya, tra gli altri. Nel 2021, il museo ha inoltre annunciato l'intenzione di aggiungere più opere di artiste donne alla sua mostra permanente.

Pianifica la tua visita al Museo del Prado
storia museo del prado

Quando si parla dei migliori dipinti del Museo del Prado, i visitatori non devono perdersi Las Meninas di Diego Velazquez, L'Immacolata Concezione di Tiepolo, la collezione delle Pitture Nere di Goya (che include il famoso Saturno che divora suo figlio), Il giardino delle delizie di Hyeronimus Bosch, Giuditta al banchetto di Oloferne di Rembrandt e Il trionfo della morte di Pieter Bruegel. Il museo ha anche recentemente acquisito la prima opera documentata di Goya, Aníbal vencedor que por primera vez mira a Italia desde los Alpes (Annibale vittorioso che per la prima volta guarda l'Italia dalle Alpi).

Museo del Prado: opere d'arte donate al museo

Il Museo del Prado ha ricevuto molte opere d'arte e reperti donati da mecenati fin dalla sua nascita. Che si tratti del lascito di medaglie di Pablo Bosch o della donazione di dipinti del XIX secolo da parte di Ramón de Errazu, il museo vanta una lunga storia di donazioni che hanno arricchito le collezioni della struttura spagnola. Una delle più importanti è la donazione della serie delle Pitture Nere di Francisco Goya da parte del Barone Emile d'Erlanger nel 1881. Le Pitture Nere sono 14 rappresentazioni di temi inquietanti che mostrano la visione tetra della vita di Goya in quel periodo. Nel 2013, il Museo del Prado ha visto la più grande donazione degli ultimi decenni da parte di un uomo d'affari di Barcellona che ha donato una dozzina di opere medievali e rinascimentali di artisti spagnoli.

Storia del Museo del Prado - Domande frequenti

Perché il Museo del Prado è importante?

Il Museo del Prado è considerato uno dei più importanti musei d'arte del mondo grazie alla sua vasta collezione di dipinti spagnoli, ineguagliata da qualsiasi altro museo del mondo. La struttura ospita anche alcuni capolavori di altre nazioni europee, principalmente arte fiamminga e italiana.

Quando è stato costruito il Museo del Prado?

Il Museo del Prado è stato progettato nel 1785 ma aperto al pubblico solo nel novembre 1819.

Quanti dipinti ospita il Museo del Prado?

Il Museo del Prado ospita oltre 7.500 dipinti, insieme a sculture, arti decorative, stampe, fotografie e altro.

Dov'è il dipinto "Las Meninas"?

Il dipinto Las Meninas di Diego Velazquez si trova al Livello 1 - Sala 12 del Museo del Prado di Madrid.

Quali opere devo assolutamente vedere al Museo del Prado?

Anche se ogni singola opera d'arte esposta al Museo del Prado merita atenzione, alcune delle opere da non perdere sono Las Meninas di Diego Velazquez, Il 3 maggio 1808 di Goya e Il giardino delle delizie di Bosch.